La malinconia di un pomeriggio d’inverno

You are currently viewing La malinconia di un pomeriggio d’inverno

Camminavo, era un sabato pomeriggio di malinconia, tra le vie della città. Le luci dei negozi cominciavano a illuminare tutt’intorno. Ora mi ero fermato in una libreria. Ero solo. Sfogliavo pagine su pagine, senza in realtà leggere niente. Quella carta e quell’inchiostro mi rilassavano. I miei pensieri erano chissà dove. In anni lontani, in luoghi d’infanzia, non so dove. Ero calmo, e malinconico.

Fuori pioveva. Una pioggia sottile e leggera. Qualche voce flebile, qua e là, rompeva il silenzio.

A un tratto mi sono visto in uno dei volti che stavano di là dai vetri. Era il volto di un senzatetto. Un uomo con la barba incolta, i capelli incolti e arruffati. Occhi assorti che lasciavano immaginare un mondo ricco di ricordi e di malinconia. Di solitudine e lacrime consolatorie.

Non so perché mi sono visto in quell’uomo. Forse perché ho sempre amato la solitudine. Ma quella era una solitudine estrema, fatta di stenti e freddo. Neanche la compagnia di un cane da accarezzare. Ma forse la compagnia era nei suoi ricordi. Forse la sua compagnia era quella di volti lontani.

La sua vita mi è parsa all’improvviso grande, vera, e io mi sono sentito piccolo, tra le mie piccole sicurezze. Perché un tetto, un piatto caldo di minestra, una coperta sotto cui dormire sono niente.

Anche questo è un pomeriggio che sa d’inverno e di malinconia. Fa freddo. Sono a casa.

Farò un giro tra le strade di questo paese vuoto.

La malinconia della pioggia
La malinconia della pioggia.
Foto di Pratik Gupta da Pexels.